La Liga lancia LaLigaSportsTV, piattaforma streaming (OTT) per promuovere lo Sport spagnolo

0
552

In Italia, Fare sistema e cultura sportiva sono due concetti alquanto vuoti e pleonastici. Se ne parla spesso, in alcuni casi a sproposito, ma tendenzialmente le cose rimangono ferme, nel più classico gattopardismo italico. In Spagna, invece, dopo le Olimpiadi di Barcellona ’92, hanno cambiato marcia diventando iper-competitivi in tantissime discipline (al netto di alcune vicende doping, peraltro limitate ad alcune discipline). E la crescita sportiva è andata a braccetto con quella dei media. Non è un caso se recentemente il presidente della Liga (la Lega calcistica spagnola), Javier Tebas, sia stato proposto come candidato alla presidenza della Lega calcio del nostro Paese.

Succede così che la Liga presenti LaLigaSportsTV, il primo servizio di streaming (OTT) di una Lega europea che non si ferma ad highlights e servizi extra sul massimo campionato spagnolo di calcio, ma offra la possibilità agli appassionati di seguire tutti gli altri sport. LaLiga, dalla sua posizione privilegiata a livello economico e mediatico, ha deciso di aiutare tutto lo sport spagnolo, accordandosi con le Federazioni per trasmettere in diretta i singoli eventi. Nella piattaforma OTT, disponibile tramite app su smartphone, tablet, Samsung Smart TV e mirroring dello schermo, infatti, metterà a disposizione le dirette degli eventi di basket, badminton, boxe, ginnastica artistica e ritmica, pallamano, pallanuoto, hockey su pista,, biliardo, superbike, tennistavolo, triathlon, eSports, etc. (vedi).

“La LigaSportsTV è una piattaforma che porterà una trasformazione digitale e offrirà visibilità al lavoro svolto da ciascuna delle federazioni sportive spagnole”

Josè Hidalgo – Presidente Associazioni Sportive Spagna

In una bella intervista rilasciata a Filippo Maria Ricci sulla Gazzetta dello Sport, il presidente della Liga Javier Tebas, ha parlato di questa iniziativa, spiegando le 3 direzioni in cui agirà la LaLigaSportsTV:

  • Dare visibilità a sport che al momento non la possono avere
  • Aiutare le varie Federazioni a conoscere ed esplorare il mondo OTT, per conoscere il proprio pubblico e target
  • Sfruttare quei dati a livello pubblicitario. Faccio un esempio. Trasmettiamo una partita di Badminton e la guardano 3000 persone. In una televisione classica non sapremmo dire chi sono quelle persone, che gusti hanno, ecc. Attraverso la nostra piattforma, invece, acquistiamo informazioni privilegiate e precise che le Federazioni potranno sfruttare per generare nuovi contratti di sponsorizzazione.

Sempre Tebas ha fornito qualche numero sul progetto LaLigaSportsTV:

La piattaforma sinora ci è costata circa 9 milioni di euro, da qui in avanti ipotizziamo un investimento di 3-4 milioni all’anno. Poi per il sostegno degli altri sport diamo l’1% del fatturato alle varie federazioni, quindi circa 13-14 milioni all’anno, più altri 4 a parte. Abbiamo 10 persone dedicate all’aiuto delle piccole Federazioni che lo necessitano.

Javier Tebas – Presidente La Liga

Insomma, in un colpo solo, il sistema mediatico-sportivo spagnolo è riuscito a realizzare una serie di mosse vincenti e innovative:

  • Lanciare la prima piattaforma OTT di una Lega calcistica europea (seppur senza i diritti per le dirette delle partite);
  • Fare sistema, vale a dire mettere in rete il ricco e sovra-esposto calcio con tutte le altre Federazioni sportive, anche quelle più piccole;
  • Entrare in modo coeso e concreto nel mercato media del futuro, vale a dire quello degli OTT (Over The Top, cioè dei servizi streaming, accessibili da varie piattaforme in modalità on demand), sfruttando modo intelligente il potenziale a livello pubblicitario

Un bell’esempio, vero Lega Calcio Serie A, CONI e Governo italiano?

Lascia un commento

Scrivi il tuo commento!
Digita il tuo nome qui