La Serie A si piega a Sanremo?

0
720
Gazzetta_serie_a_cambia_orario_per_sanremo_marzo_2021 ok

Secondo quanto riportato questa mattina dalla Gazzetta dello Sport, “per evitare sovrapposizioni, il turno di Serie A (25esima giornata, in programma martedì 2, mercoledì 3 e giovedì 4 marzo, quindi in contemporanea con il Festival di Sanremo), potrebbe anticipare di un paio d’ore: dalle 20.45, classico orario dell’infrasettimanale, alle 19.00. Fischio d’inizio che permetterebbe ai telespettatori di non dover scegliere tra calcio e musica“. Sembrerebbe un Pesce d’aprile anticipato, ma stando alle indiscrezioni raccolte anche da altri media, le possibilità che la Serie A si pieghi di fronte al Festival di Sanremo, modificando la propria scaletta, sono molto elevate.

Risulta difficile commentare una cosa del genere. Nel 2020 la Serie A si inginocchia di fronte al Festival della Canzone italiana. Come si può parlare seriamente di fondi d’investimento, diritti televisivi, OTT che si apprestano a investire nel calcio italiano, nuovi stadi (vabbè, si fa per dire), vendita del prodotto all’estero, quando una Lega cambia i propri piani e e modifica gli orari di una giornata di campionato per “permettere ai telespettatori di non dover scegliere tra calcio e musica“? Ma stiamo scherzando? Quasi superfluo aggiungere che a milioni di italiani, tra cui milioni di appassionati calcistici, il Festival di Sanremo interessa meno di un documentario sulla politica estera di Saint Kitts e Nevis. Senza considerare che moltissime persone alle 19.00 non sono a casa e si perderebbero buona parte della partita. Altro che “scegliere tra calcio e musica”.

Non sappiamo l’origine di questa trattativa tra Lega e Festival/Rai. Da quanto emerso, sembra che Sky Sport e DAZN, giustamente e ovviamente, non siano d’accordo con questa assurda, incredibile, surreale ipotesi.

Speriamo davvero che la cosa rientri tra le boutade di inizio 2021, perché altrimenti si tratterebbe dell’ennesima dimostrazione della pochezza e del provincialismo del nostro calcio. Attendiamo (poco) fiduciosi.

Immagine da gazzetta.it

Lascia un commento

Scrivi il tuo commento!
Digita il tuo nome qui