Decoder, il libro sulla storia della Pay-Tv sportiva in Italia, è finalmente disponibile!

32
2066
Libro Decoder storia Pay-Tv Sportiva disponibile su Amazon

Dal dicembre 2020, il libro “Decoder – Storia decriptata della Pay-Tv sportiva in Italia” è disponibile su Amazon, sia in versione cartacea che elettronica (eBook) e nei seguenti canali in versione cartacea:

Qui potete leggere un estratto del libro:

SINOSSI

Decoder, attraverso sport, giornalismo, tecnologia, politica e società, racconta i 30 anni di storia della Pay-Tv sportiva in Italia. Il libro ripercorre in modo dettagliato un periodo di grandi cambiamenti: dalla nascita di Tele+2 a Sky-DAZN, passando per Eurosport, Stream, Gioco Calcio, La7 Cartapiù, Dahlia Tv, Conto Tv, Fox Sports, Mediaset Premium e finendo con uno sguardo verso il futuro targato OTT.

Decoder non è una fredda elencazione di eventi, ma una ricostruzione ragionata, dettagliata, ricca di aneddoti, riletta anche attraverso le parole dei protagonisti e di alcuni grandi osservatori. La Pay-Tv, del resto, ha rivoluzionato totalmente il modo di seguire lo sport, ha determinato la nascita di un rapporto strettissimo tra le stesse televisioni e le leghe/società sportive e ha introdotto diverse novità a livello tecnologico (satellite, interattività, HD, streaming). Lo sviluppo della Pay-Tv sportiva si intreccia inevitabilmente con il percorso trentennale di squadre e di campioni, molto spesso raccontati da alcuni autentici maestri di giornalismo sportivo televisivo: Rino Tommasi, Sergio Tavčar, Dan Peterson, Bruno Pizzul, Aldo Biscardi, Mario Camicia, Massimo Marianella, Sandro Piccinini, Flavio Tranquillo, Fabio Caressa e ancora Gianni Clerici, Mario Cotelli, Federico Buffa, Vittorio Munari, sono solo alcuni dei nomi più noti presenti nel libro.

Ci sarà spazio, infine, per alcune considerazioni legate al linguaggio delle telecronache e al boom della narrazione sportiva. Completano il libro i preziosi interventi di Pietro Nicolodi (Sky Sport) e Massimiliano Ambesi (Eurosport).

INDICE DECODER – STORIA DECRIPTATA PAY-TV SPORTIVA IN ITALIA

Questo l’indice completo del libro:

LEGGI UN ESTRATTO DEL LIBRO

Cliccando qui sotto su Anteprima gratuita potete leggere un estratto del libro e farvi un’idea su argomenti e impostazione!

RECENSIONE TUTTOSPORT GENNAIO 2021

ALCUNE RECENSIONI DI DECODER

“Un libro che mancava e che è riuscito a colmare un vero e proprio vuoto informativo”.

“Un libro che chiunque si occupi di media, per lavoro o passione, deve assolutamente leggere”

“L’autore ha la capacità e il merito di mettere ordine in una vicenda caotica, ma al tempo stesso unica”

“Portentosa analisi di 30 anni di storia della TV, dello sport e anche della società italiana. Ottima ricostruzione storica con tanti retroscena”.

“Per gli appassionati di sport e televisione, la lettura di questo volume è imprescindibile”

“Decoder è molto più di un semplice libro. È una vera e propria tesi di laurea che merita 110 e lode con menzione ed abbraccio accademico”

“L’analisi più completa mai letta sulla Pay-TV in Italia: dal Mundialito del 1981, a Telepiù, fino a oggi”

“Analisi molto documentata sulla storia della Pay-TV sportiva in Italia. Le vicende sono spiegate in maniera dettagliata e la lettura procede scorrevole. Da non perdere per gli appassionati di sport e televisione”

“Libro molto interessante, curato dal punto di vista storico e ben scritto. Per chi è appassionato di sport e di televisione è una lettura veramente da consigliare”

DUE CAPITOLI DI DECODER IN ANTEPRIMA

VAI ALLO STORE ONLINE!

P.S. grazie in anticipo a tutti coloro i quali acquisteranno il libro. Ovviamente, una volta letto, aspetto i vostri commenti e giudizi e, se volete, una recensione su Amazon. A presto!

32 COMMENTI

  1. la pay ha distrutto gli sport minorin con l’esclusione degli sport invernali in Italia, vi ricordate il basket, tutte le settimane diretta su rai 2 palazzetti stracolmi e livello altissimo, il rugby diretta radio su tutto il calcio…, la nazionale di Diminguez che vinceva e convinceva, dirette rai, per non parlare dell’atletica leggera con meeting in diretta su rai3. Discorso a parte per gli sport invernali, in quanto si parla solo di una parte di nazione quella settentrionale già educata da tmc, capodistria e televisione svizzera, per loro è stato naturale il passaggio alla pay con una minima incidenza sul budget familiare. Il problema è che con la pay è molto più difficile allargare la platea. Prendiamo il biathlon con i successi della Wierer potenzialmente doveva spopolare, ma se prendiamo gli scorsi campionati del mondo nonostante i numerosi errori e gli orari impossibili la mass start ha fatto 1 milione di ascolti su raisport, pensate una single mix alle 20,30 in una cornice più italiana (e non aggiungo altro) su rai 3.

  2. Non voglio dire che sia tutto colpa della pay tv ma purtroppo se da un lato soddisfa i grandi appassionati dall’altro allontana il grande pubblico, faccio sempre l’esempio del basket, dove io e i miei amici aspettavamo con trepidazione la diretta del sabato e ci mettavamo mezzora prima davanti alla tv, ora che eurosport ci fa vedere con comodità tutte le partite non ne guardo una intera da secoli, pensiamo ad Alberto Tomba, l’anno passato la Brignone ha vinto la coppa over all e non se ne accorto nessuno. Qui credo bisogna ricostruire tutto un mondo e capire quali siano le scelte giuste per promuovere gli sport extra-calcio, però deve essere chiaro che senza la visibilità su uno dei primi sette canali non c’è trippa per gatti……

Lascia un commento

Scrivi il tuo commento!
Digita il tuo nome qui